"...a determinare il valore che un libro può avere per me, non ha alcun rilievo che sia famoso o di moda. I libri non ci sono perché per un certo tempo tutti li leggano e li dimentichino come una notizia di sport o di cronaca nera: i libri vogliono essere goduti e amati con calma e serenità..."

Hermann Hesse

.
.
Appello ai naviganti!
.
Questo angolo di bosco del web, è aperto alla collaborazione Seria e Costante con disegnatori, registi e quanti vogliono usare le mie storie come soggetti per la loro creatività. L'unione fa la forza, al momento non prometto denari - non ci sono neanche per il sottoscritto - ma tanta gloria!

.


venerdì 27 novembre 2009

La terra dei cachi mutanti

.
..
Carissimi inquilini del Buio... e al buio visto i costi dell'energia, dopo un paio di disquisizioni sull'arte nel cinema e il cinema dell'arte nonché sul nuovo cinema noir italiano rappresentato da un cortometraggio, torno a parlare... dei fatti miei. Di quelli che tutti vorrebbero sapere ma non osano domandare. Vuoto il paniere.

Si perché in questo periodo mi do ai cachi.

Ne ho due cassette sul balcone, dentro una "serra" per i vasi di gerani in letargo, li tengo adagiati a regola d'arte nella carta dei quotidiani con un paio di mele gialle a maturare. Incredibile come una stagione che ci accompagna verso il bianco inverno sia carica di colori caldi, di frutti energetici, gli ultimi prima del "riposo", le scorte caloriche prima... del pranzo della vigilia di Natale!

Lasciando da parte l'angolo dell'ortolano "fai da te" col pollice verde-cachi, mi preme invece segnalare tra le mie visioni alternative un paio di mini serie televisive che sto seguendo, non senza fatica visto gli orari delle repliche di RaiSat Premium, canale digitale terrestre votato alle fiction soprattutto melense degli ultimi dieci anni, il primo è "Delitti Privati" in quattro puntate trasmesso nel '93, diretto da un grande regista della stagione d'oro del cinema di genere italiano, Sergio Martino, e in molte sequenze la mano si vede ancora, spicca un cast importante (non come quello delle odierne recuperato da scarti di reality e accompagnatrici) con protagonista nientemeno che la grande Edwige Fenech e Ray Lovelock, Lorenzo Flaherty (il capitano della serie "Ris", per intenderci) una giovanissima Vittoria Belvedere nei panni della figlia assassinata della Fenech, e ancora Annie Girardot, Paolo Malco, Athina Cenci.
Si tratta di un buon giallo, intreccio sufficientemente intricato che fa cadere i sospetti a raggiera come nella miglior tradizione, buona recitazione di tutti e un pizzico di suspense e atmosfere vecchia maniera. Nel contesto televisivo è una produzione meritevole da riconsiderare. Le due canzoni di apertura e chiusura sono cantate da Milva e ricordano quelle degli sceneggiati dei bei tempi andati, anche se una somiglia al motivetto di "Twin Peaks".

.
L'altro, cominciato da poco nello spazio di RaiNotte il venerdì su RaiDue, è "La Ragnatela" (1991) diretto da un certo Alessandro Cane che girerà anche il seguito, protagonista è un fotografo di moda (Andrea Occhipinti) che per caso assiste, e fotografa, un attentato ai danni di un importante uomo d'affari. La sua presenza sul luogo è notata da un individuo (Robero Alpi) che lo ricatta per avere i negativi... non aggiungo altro perché aspetto di vedere il seguito, intanto faccio notare la grafica retrò dei titoli di testa con la "ragnatela" del titolo.

Vi lascio alla lettura dell'unica serie originale promossa da questo cantuccio del web, "Le ore piccole", e qui tocca a Voi esprimervi... ah, l'amico disegnatore Fabiano, che saluto, è momentaneamente all'estero quindi ripassate fra qualche giorno e vedrete il suo disegno originale per "Organo".

Alla prossima!

.

ORGANO

«Da quanto tempo è qui?»
Il suo accompagnatore allarga le mani, incurvandosi nella barba.
Quaranta, forse cinquant'anni d'oblio. Non ci crede.
Ha le vertigini e non è per la modesta altezza della balconata su cui si trova. Fissa i tasti d'avorio incredulo.
È un rarissimo organo a canne del XVII secolo dell'ebanista Morganti, lo “Stradivari del clavicembalo”, scomunicato per eresia. I lunghi fumaioli lucenti sono accecanti.
«Devo andare, arrivederci». E lo lascia solo.
Solo con lui. Il migliore che ha visto dal giorno della specializzazione in restauro di strumenti antichi. Incredibile come fosse stato dimenticato in quella chiesetta di paese quasi sempre chiusa.
Passa le dita sulla tastiera. Granelli di polvere s'appiccicano ai polpastrelli.
S'accovaccia per esaminare i pedali e il mobile. L'incastro del pannello è perfetto, un sesamo d'altri tempi. Lo rimuove.
Colpiscono l'attenzione delle cannule flessibili, sacche di pelle e lacci di cuoio e una specie di arcaica pompa: un perfetto meccanismo idraulico capace di prelevare liquidi. Lo stantuffo sembra più recente. Pare umido all'interno.
Qualcosa lo turba. I tubicini sono decine, forse centinaia, si diramano come vene dal cuore verso l'anima dell'organo.
Invia l'ultimo sms: “Ciao, non aspettarmi stasera, torno tardi. Bacio.”

All'inaugurazione sono tutti nelle prime file sotto la balconata: sindaco, assessori, presidenti di chicchessia, esperti vari e presunti, la stampa e tanti curiosi. Tutti col naso insù. Tutti in attesa della prima nota dopo decenni, forse secoli d'oblio, del capolavoro restaurato. Il Maestro ungherese sale la chiocciola, sparisce e ricompare sullo scranno, da basso si vede appena la testa.
Attacca con Mozart. E lo stupore è tanto. Infinito. D'orrore quando dalle canne lucide sprizza una pioggia rossa, fiotti densi fioriscono sulla volta della chiesa e ricadono sulle facce urlanti dei presenti. Finalmente l'organo rivive.

FINE.
.

6 commenti:

quiki74 ha detto...

Altro piccolo capolavoro del mio scrittore noir preferito!

Fabio Marangoni ha detto...

Grazie Francesca, troppo buona come sempre;-)
Ripassa - ma so che già lo fai - perché tra qualche giorno ci sarà anche il disegno originale di Fabiano, una sorpresa anche per me...

ciao,

quiki74 ha detto...

Lo sai che ti tengo d'occhio....non mi sfugge niente....

Fabio Marangoni ha detto...

Fai bene, che le sorprese non mancano... ogni tanto;-)

ciao,

witchblue ha detto...

"Incredibile come una stagione che ci accompagna verso il bianco inverno sia carica di colori caldi, di frutti energetici"

Come hai ragione! Si pensa sempre all'autunno/inverno come stagioni tristi e invece sono ricche di colori, profumi e sapori!

Come sempre intenso il racconto e un complimento a Fabiano per il disegno che lo riassume a colpo d'occhio!

Fabio Marangoni ha detto...

Ciao streghetta!
Grazie mille per la visita e i complimenti, fanno sempre piacere;-)

Faranno piacere anche a Fabiano che ci legge, concordo con te: ha catturato la sostanza del racconto e resa con suggestione.

A proposito di colori autunnali... qui ha proprio imbiancato come prevedevo!
Poca cosa però, un paio di centimetri...

ciao,